dal 26 ottobre 2018 al 24 marzo 2019 presso la GAM di TORINO 

Protagonisti di questa importante mostra alla GAM di Torino sono gli antefatti, la nascita e la stagione iniziale e più felice della pittura macchiaiola, ossia il periodo che va dalla sperimentazione degli anni Cinquanta dell’Ottocento ai capolavori degli anni Sessanta. L’esposizione organizzata e promossa da Fondazione Torino Musei, GAM Torino e 24 ORE Cultura vuole valorizza il dialogo artistico tra Toscana, Piemonte e Liguria nella ricerca sul vero.

Esposte oltre 80 opere provenienti dai più importanti musei italiani, enti e collezioni private e che qui vanno a costruire un ricco racconto artistico sulla storia del movimento, dalle origini al 1870, con affascinanti confronti con i loro contemporanei italiani.

L’esperienza dei pittori macchiaioli ha costituito uno dei momenti più alti e significativi della volontà di rinnovamento dei linguaggi figurativi, diventata una priorità alla metà del XIX secolo. Fu a Firenze che i giovani frequentatori del Caffè Michelangiolo “inventarono” la macchia. Questa coraggiosa sperimentazione porterà a un’arte italiana “moderna”, che ebbe proprio a Torino, nel maggio del 1861, la sua prima affermazione alla Promotrice delle Belle Arti. Negli anni della sua proclamazione a capitale del Regno d’Italia, il capoluogo piemontese conobbe un periodo di grande fermento culturale. È proprio a questo periodo, e precisamente nel 1863, che risale la nascita della collezione civica d’arte moderna – l’attuale GAM – che aveva il compito di documentare l’arte allora contemporanea

PER COSTI E INFO CLICCA QUI

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *